martedì 27 gennaio 2015

Cardigan modello maschile a grana di riso

Dopo un fine settimana lontana da blog e tecnologia, oggi ritorno con un post a tema "un cardigan al mese...". Ditemi pure la verità, non ne potete più di vedere foto dei miei cardigan lavorati a maglia. Lo so, sono un po' ripetitiva, ma non ci posso fare niente, io senza cardigan sono persa. Ok, va bene, il mese prossimo niente cardigan. Una sciarpa?
Adesso che abbiamo trovato un punto d'incontro, passiamo al post odierno e alla new entry del mio armadio: un cardigan "maschile".
Perchè uso le virgolette? Perchè non si tratta di un vero e proprio maglione da uomo, ma ispirato ad uno stile maschile. Infatti, come vedrete mantiene delle dimensioni decisamente femminili.



La caratteristica più evidente è che si tratta di un cardigan bicolore, con un forte contrasto creato sia dalle due diverse tonalità di grigio che dall'uso di due tipi di lavorazione: maglia a grana di riso e maglia rasata. La maglia a grana di riso è stata utilizzata per le maniche e la parte alta (da sotto il seno fino alla spalla), mentre la maglia rasata completa il resto del cardigan. Sia sul davanti che sul di dietro è stata usata la stessa tecnica e la stessa divisione dei colori.


La scollatura a V è messa in evidenza da un bordo ampio (che volendo si può rendere ancora più largo) da portare ripiegato oppure no.


Se l'idea vi piace, qui potete trovare uno schema gratuito da cui è partita l'ispirazione e che io, come al solito, ho scelto di modificare per adattarlo alle mie esigenze.
Per la realizzazione è stata utilizzata un filato molto morbido della Sesia. Vi assicuro che l'effetto è meraviglioso, un misto di sofficità e calore senza il tipico fastidio pruriginoso della lana.
Niente tasche, bottoni quasi invisibili, pochi articolari per esaltare la bellezza della lavorazione a grana di riso. Un modello un po' maschile, ma che si sposa bene anche con colori e i vestiti femminili. 


Vi lascio con questa foto e con il racconto del mio dietro le quinte: "le foto sono state fatte con l'autoscatto, perchè l'Uomo di casa non c'era e quando c'era mancava la luce giusta; mentre facevo le foto ho pensato di provare a sedermi su dei cuscini, non proprio stabili, perciò tra l'agitazione da autoscatto in 10 secondi e l'instabilità dei cuscini sono scivolata sul pavimento. Tranquilli, sto benissimo, ma mi è presa la ridarella e la foto qui sopra ne è la conferma". Insomma, chi lo dice che il lavoro a maglia è privo di pericoli?
Aspetto i vostri commenti.
A presto,
Fusilla Creativa



4 commenti:

  1. Cardigan bellissimo, lo indosserei subito... ma purtroppo io a differenza di te non sforno un maglione al mese, anzi ne ho ben tre che sono fermi in uno stato di semiabbandono!
    In più le foto sono deliziose e l'abbinamento con il vestito e il rossetto (e quel bel sorriso!) è perfetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...soprattutto per il sorriso (non mi piace mostrarmi, sono un po' restia a farmi fotografare, altrimenti avresti visto anche il resto...hihihi!). Dietro i mie cardigan c'è un barbatrucco! Io mi limito a immaginarli e disegnarli, chi li realizza e li rende reali è la mia meravigliosa mamma. Con i ferri non sono brava come lei. Io sono più una persona da uncinetto. Ecco perchè "sforno" un cardigan al mese! ;D

      Elimina
  2. Molto bello! Che invidia per la tua mamma che ha le mani d'oro e per te che sei la mente di splendidi progetti come questo!!!
    Complimenti!
    Un abbraccio e buona domenica♡♡♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sono consapevole di essere molto fortunata ad avere una mamma che riesce a rendere reale qualsiasi mia idea! :D

      Elimina

Ciao! Lascia un commento, sarò molto felice di leggerlo e risponderti :D

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails