lunedì 26 agosto 2013

Il pranzo della domenica...al lunedì!

Non sono impazzita! Lo so che oggi è lunedì (e chi se lo dimentica). Questa mattina appena ho aperto gli occhi ho pensato: "che bello il silenzio della domen... noooo è lunedì!" Che tragedia il lunedì! Soprattutto se stai per partire e devi cominciare a pensare a come sistemare tutto in valigia, a cosa portare e cosa lasciare, al bagaglio da imbarcare e quello da cabina... Uff, troppi pensieri per essere lunedì! Allora consoliamoci con il pranzo della domenica!
Eh già, perchè il lunedì è triste anche a pranzo, quando alla fatidica domanda "che cosa cucino?", l'unica risposta che ricevi è: ... (il vuoto nella scatola cranica!). Ed è in questi casi di vuoto pneumatico che accorre in nostro aiuto il pranzo della domenica, o meglio...gli avanzi del pranzo! 
Infatti, non so da voi, ma in Puglia (almeno nella mia famiglia), la domenica a pranzo si mangia la pasta al forno e, si sa, la pasta al forno (come la parmigiana di melanzane) il giorno dopo è più buona!
Non ci credete? Sperimentate il timballo di nonna (non importa quale nonna...)!

Timballo di (mezzi) ziti al forno

Ingredienti:
ziti o mezzi ziti (scegliete voi la quantità);
passata di pomodoro;
cipolla;
polpettine di carne (serviranno per condire la pasta);
mozzarella (asciutta) o un'altro latticino a pasta filata asciutto;
salame, mortadella o quello che vi avanza;
olio e sale.

Procedimento:
Preparate delle piccole polpette di carne (manzo, vitello o quello che avete a disposizione).



Fatele soffriggere (per poco tempo) in un pentola con olio e un po' di cipolla ...


... poi aggiungete la passata di pomodoro e lasciate cuocere (ricordatevi di aggiustare di sale se necessario).
Intanto che il sugo con le polpette si cuoce, lessate gli ziti (che avrete spezzato a metà) o i mezzi ziti, secondo le vostre preferenze. Ricordate che la pasta finirà di cuocere in forno, quindi scolatela molto al dente.


Quando la pasta e il sugo saranno pronti, mettete tutto in una teglia da forno e finite di condire aggiungendo il salame a pezzetti (oppure quello che avete: mortadella, prosciutto, etc.) e la mozzarella che avrete preventivamente sfilacciato. In Puglia usiamo una mozzarella che si chiama "treccia da cucina", ma se non avete niente di simile va bene una mozzarella ben asciutta o una scamorza fresca.


Infornate tutto e lasciate cuocere fino a che si sarà sciolta la mozzarella e creata la tipica crosticina da pasta al forno! Buon appetito...anche con gli avanzi!


Spero vi piaccia.
Per oggi è tutto!
A prestissimo,
Fusilla Creativa



Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Lascia un commento, sarò molto felice di leggerlo e risponderti :D

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails