venerdì 17 aprile 2015

Cardigan con lana di recupero #knit

Dopo un silenzio di una settimana, causa impegni vari che non mi hanno permesso di pubblicare post come avrei voluto, rieccomi qui con una nuova proposta per le amanti del knitting. Visto che nelle ultime settimane mi sono concentrata più sull'uncinetto e altre tecniche, oggi ci tuffiamo nel mio armadio per tirare fuori l'ultimo arrivo handmade: un cardigan blu.
Speravate si trattasse di una sciarpa o di una borsa, vero? Invece, fedelissima al mio stile, vi presento un nuovo cardigan (che si aggiunge alla mia collezione) realizzato da mia mamma.


Dietro questo cardigan si nasconde una lunga storia che comincia tempo fa con l'acquisto, da parte di mia sorella, di una maglia in lana leggera che dopo poco è finita sul fondo dell'armadio. Dimenticata lì e inutilizzata, durante una fase di "sfoltimento" dell'infinita collezione di vestiti della mia sorellina, mia mamma ha deciso di recuperare la lana, praticamente ancora nuova. Ne sono venuti fuori dei grossi gomitoli che hanno dato vita al cardigan che vedete in questo post e ad un altro che vi presenterò più in là.


Il modello è quello di un classico cardigan con scollatura tonda, arricchito dalla lavorazione a rombi che caratterizza le maniche e spezza il lavoro a maglia rasata del busto.


La fascia orizzontale continua sulla schiena e si ricollega con la fascia verticale che mette in risalto la scollatura e i bottoni.


Sono molti gli aspetti che apprezzo di questo cardigan, tanto da essere diventato onnipresente nei miei outfit. Innanzitutto, il colore che io adoro e trovo molto versatile e adatto alla stagione primaverile. Infatti questo cardigan, morbido e leggero, è perfetto per le serate primaverili e si adatta bene a qualsiasi stile. Infine c'è la sua storia di riciclo e l'idea che la lana sia un materiale che può essere rigenerato e riutilizzato in vari modi.
Spero che questa sosta davanti al mio armadio vi sia piaciuta.
Buon weekend!
A presto,
Fusilla Creativa

mercoledì 8 aprile 2015

Il meglio di marzo dal mio profilo Instagram

Anche marzo è andato. Ho salutato l'inverno e accolto la primavera piena di speranze e, soprattutto, bisognosa di un raggio di sole. La verità è che Marzo è sempre un mese freddo e piovoso e io, ogni anno, mi ritrovo a contare i giorni che mi separano da Aprile. Ci siamo, tra pochissimo sarà il mio compleanno e le giornate si stanno allungando, la luce è più intensa e la voglia di pic nic al parco e passeggiate all'aria aperta è sempre più forte. Perciò, godetevi queste ultime foto che raccontano di progetti creativi per passare il tempo mentre fuori piove, perchè la prossima volta vi racconterò di gite fuori porta, di pomeriggi stesi al sole e di allergie al polline.

Fiori, acquerelli e washi tape



Ricordate i fiori di carta realizzati con la tecnica dello scarabocchio (in questo post)? Vi avevo detto che non mi ero limitata a colorare solo sui fogli. Infatti, per chi non l'avesse già vista su Instagram, anche questa scatola a forma di casetta è stata vittima di un mio attacco di acquerellomania. In quei giorni stavo giocando con i colori e i washi tape alla ricerca dell'ispirazione e della luce giusta. E voi avete provato a scarabocchiare su qualcosa?

Nastri e casette



A volte, involontariamente, succede che una forma, un colore o una tecnica invada completamente il mio cervello e io inizi ad immaginare ogni cosa secondo la mia "mania" del momento. Come potete notare, mettendo a confronto questa foto e quella precedente, c'è stato un momento, a marzo, in cui mi sono ritrovata circondata da oggetti a forma di casetta (tutti made in Tiger). Non so se dietro questa invasione di casette si nasconda qualche assurdo significato, di sicuro posso dire che devo contenere gli acquisti inutili da Tiger! E voi avete una mania del momento?

La ricerca della palette perfetta



Ormai sapete perfettamente come e cosa faccio quando sono alla ricerca di uno spunto, della scintilla che dia il via ad un nuovo progetto. Insomma, quando cerco l'ispirazione. Ve ne ho parlato in questo post e, chi mi segue su Instagram, spesso vede foto come questa che racconta proprio uno di quei momenti, mentre inseguo la combinazione di colori giusta e l'associazione di materiali perfetta per scatenare un vortice creativo. Siete curiose di sapere cosa è uscito fuori da questa foto? Allora non perdetevi i post di aprile!

A presto,
Fusilla Creativa


venerdì 3 aprile 2015

Coniglietti segnaposto per la tavola di Pasqua

Come vi ho raccontato molte volte, sono affetta da una "malattia" che si chiama "mania creativa del momento". Non esiste una cura e, più o meno, ogni due settimane vengo colpita da una di queste manie! He he he! Quella di adesso (neanche tanto recente) è la mania degli acquerelli. Se potessi dipingerei tutto il giorno, solo per il gusto di vedere come i colori si mescolano tra loro. Tra una sperimentazione e l'altra, ho pensato di produrre qualcosa per Pasqua sfruttando la mia mania attuale. Infatti, secondo me, gli acquerelli si adattano bene alla stagione primaverile e alle decorazioni pasquali. I colori tenui e allo stesso tempo luminosi degli acquerelli mi ricordano i colori di queste giornate di inizio primavera. Che ne pensate? Forse è solo una scusa per dipingere ancora un po', ma decorare la tavola di Pasqua con dei segnaposto fatti a mano e colorati con gli acquerelli mi è sembrata una buona idea.
Come sempre, alla base di questo progetto c'è la semplicità e la velocità. Quello che serve è della carta adatta agli acquerelli e un po' di fantasia.


Curiose di sapere come ho realizzato questi coniglietti? 


Occorrente

  • Fogli di carta per acquerelli (carta da 300g)
  • Acquerelli
  • Pennello
  • Matita e pennarello grigio
  • Nastrini colorati
  • Forbici

Procedimento

Con gli acquerelli dipingete completamente il foglio, creando una base di colore giallo su cui aggiungerete piccole strisce e pois di altri colori (qui puoi vedere il foglio intero). Quando il vostro foglio sarà ben asciutto, disegnate, aiutandovi con una matita, le sagome dei coniglietti. Ritagliate le sagome e fate dei piccoli tagli verticali alla base del coniglio. In questi tagli inserite una striscia di carta che aiuterà il vostro coniglio a stare in piedi (come nella foto).


Completate il vostro coniglio disegnando l'occhietto con il pennarello di colore grigio e facendo un fiocchetto con il nastrino colorato.
Il vostro segnaposto è pronto. Se volete potete scrivere il nome dei commensali sulla pancia del coniglio oppure potete evidenziare il contorno del coniglio con il pennarello grigio.
Anche in questo caso, come vi avevo spiegato qui, non c'è uno schema da seguire, lasciatevi guidare dalla fantasia o dai colori che avete scelto per la vostra tavola. Non serve molta precisione, ma voglia di divertirsi.
Infatti potete far dipingere i vostri bambini oppure potete fare delle prove di colore e usarle per i vostri coniglietti. Non c'è una regola, C'è solo la vostra fantasia!
Se non volete disegnare la sagoma del coniglio a mano, potete scaricare e stampare il mio "bunny free printable".

E voi come avete pensato di decorare la vostra tavola?
Spero di vedere coniglietti ovunque.

Buona Pasqua!
Fusilla Creativa

martedì 31 marzo 2015

Wish list: handmade italiano

Per quanto io adori gli stivali, le sciarpe di lana e i cappellini, la mia voglia di indossare abiti leggeri è decisamente più forte, perciò mi succede di ritrovarmi a guardare con gli occhi a cuoricino i vestiti estivi nel mio armadio. In questi primi giorni di primavera, la mia ansia da abiti estivi è ancora più accentuata e sono in piena crisi d'astinenza da sandali e gonne svolazzanti. Quindi mi sono concessa di fare "shopping" virtuale tra le bacheche delle mie creative (rigorosamente italiane) preferite.
In altre parole ecco a voi la mia lista dei desideri "fatti a mano" (per la cronaca, tra meno di un mese è il mio compleanno...e non aggiungo altro! :P).

Io sono innamorata persa delle gonne, quelle primaverili o estive, realizzate con tessuti morbidi e leggeri che alla prima folata di vento ti costringono a tenerle ferme per evitare l'effetto Marilyn Monroe in Quando la moglie è in vacanza. Io potrei comprare gonne e vestiti fino a prosciugare il bancomat! Tra quelle che preferisco ci sono le gonne de La sartoria dei confetti. Se ancora non avete visitato il blog di Federica o il suo shop, vi consiglio di correre a dare un'occhiata alle meraviglie che crea e di inebriarvi del suo spirito romantico.



Non importa se preferite uno stile più sportivo o da principessa, La sartoria dei confetti è quel luogo dove i sogni diventano realtà. Qui vedete solo due delle gonne che produce Federica, ma sul suo shop troverete molto di più e sono sicura che non riuscirete a resistere!

Non solo questo nella mia wish list. Se resistere allo shopping di abiti e gonne è difficile, trattenermi dall'acquistare borse, collane e orecchini è quasi impossibile. Ad alimentare questo mio impulso spendereccio contribuiscono le borse di Erika di Pretty in Mad. Il suo stile un po' glitter rock, in bilico tra le stampe giapponesi e i gatti, regalano alle sue creazioni quel tocco di originalità che ti fa pensare: "lo voglio!". Siete curiose? Qui trovate il suo shop.


Adoro i colori di questa borsa. Non c'è dubbio, Erika ha davvero buon gusto!

Restando in tema di borse, c'è anche un'altra creativa che mi tenta con le sue meraviglie ed è Carla di La ragazza dell Sputnik. Le borse di Carla e le altre sue creazioni sono calde e solari come la sua Sicilia. Non avete mai visitato il suo shop? Allora che aspettate?!? Sbirciate tra le foto della sua pagina Facebook e lasciatevi affascinare dalle proposte di Carla. Ce n'è per tutti i gusti e tutte le esigenze. Dalla baby bag per un cucciolo in arrivo alla bellissima borsa primaverile. Proprio come quella che vedete nella foto qui sotto e che presto sarà tra le mie mani! 


Carla è una ragazza dolcissima e molto disponibile. Una creativa dal cuore grande che sopporta anche le clienti super esigenti, come me, che la tartassano di messaggi! Se ancora siete indecise, buttatevi. Non ve ne pentirete!

E ora passiamo a collane e orecchini e alle piccole opere d'arte di carta realizzate da Greta di Pamphlet. Non basterebbe un post per mostrarvi tutto quello che inserirei nella mia wish list, perciò mi limito alla collezione Sailor e alle novità Primavera/Estate 2015.



Sono letteralmente innamorata delle creazioni di Greta, del modo in cui riesce a mescolare le stampe e i colori, donando un senso di leggerezza alle sue opere d'arte da indossare. Ciò che più mi affascina di questa creativa è il suo modo di valorizzare ed esaltare la preziosità della carta in ogni sua declinazione possibile, dal francobollo alle riveste d'epoca, dalle carte geografiche ai fumetti, passando per le stampe originali di Pamphlet. La carta nelle mani di Greta sembra assumere una nuova forma, una nuova consistenza, pur mantenendo tutto il suo fascino. 

Dopo la carta è il momento di un altro materiale che amo e mi affascina: la ceramica. Invidio (in maniera sana) chi possiede la dote di modellare e dare vita alla ceramica, soprattutto ripensandola in forme e colori nuovi, come fa la bravissima creativa che c'è dietro Elemento Terra. Mi piace la sua freschezza e i colori così naturali e vivi, come quelli del bracciale Cascade de pearls, che mi fa pensare al mare.


Visto che siamo in primavera e per il mare è ancora un po' presto, ho inserito nella mia wish list anche un simbolo di questa stagione. Che ne pensate di queste bellissime farfalle?


E per finire questa lista dei desideri non potevano mancare degli anelli, quelli di Sepi gioielli, un giovane laboratorio orafo che mi piace per la sua semplicità e linearità delle forme. Creazioni pulite, semplici, che esaltano il lavoro artigianale e la loro passione per quello che fanno. Anche in questo caso avrei potuto scegliere tantissime creazioni, ma ho voluto concentrarmi su un tris di anelli che riprendono il tema del romanticismo un po' rock che ci ha accompagnato fino adesso. 


Per vedere di più potete andare sul loro shop online.

Si chiude qui la mia wish list. Al di là del mio amore per lo shopping, con questo post ho voluto mostrarvi una parte delle mie passioni, farvi capire i miei gusti e, soprattutto, cercare di valorizzare, nel mio piccolo, il lavoro artigianale e l'impegno di tutte le donne che sono la forza e l'anima di queste meraviglie.
A prescindere dal voler fare shopping o meno, visitate le loro pagine e i loro shop, perchè vale la pena dedicare qualche minuto alla creatività di queste donne e alla loro passione. Evviva le creative italiane!

A presto,
Fusilla Creativa

martedì 24 marzo 2015

Gomitoli di carta e filo: un'idea per tre progetti diversi

Immaginate che sia domenica pomeriggio (il primo fine settimana di Primavera), che piova e i vostri progetti di una passeggiata al parco siano saltati, che fate? Se siete me tirate fuori la scatola del cotone e cominciate a rovistare alla ricerca di quei fili comprati anni fa perché avete avuto un'idea. E adesso mi aspetto la domanda di rito: "quale idea?"
Beh, se insistete, allora vi parlo di questa idea. Anzi ve la faccio vedere!


Capito? Forse è meglio se aggiungo qualche indicazione. L'idea a cui faccio riferimento sono i gomitoli che vedete nel portafrutta in foto. 


In uno dei miei momenti di creatività compulsiva, dopo svariati tentativi di tirare fuori dal cilindro un coniglio pasquale, ho iniziato ad accartocciare fogli di giornale. Da lì ai gomitoli in foto il passo è stato breve. Non ci ho pensato molto, ho preso carta velina, juta e cotone colorato e in pochissimi minuti avevo riempito il cesto nella foto.
Il procedimento è semplice: innanzitutto bisogna creare una pallina di carta (io ho usato fogli di giornale che poi ho coperto con carta velina bianca), poi coprire con filo di juta e, dopo, con del cotone colorato per uncinetto. Non bisogna seguire uno schema, ma andare a caso per ottenere un effetto vedo e non vedo.
Il bello di questi "gomitoli" è che sono molto versatili. Infatti, con l'aggiunta di uno spiedino di legno si possono trasformare in simpatici lollipop decorativi.


La decorazione ideale per un vaso o per ravvivare la tavola di una festa di compleanno. Tra l'altro, quando vorrete disfarvi di questi gomitoli potrete recuperare il filo e riciclare la carta senza problemi, perché non è necessario usare colle.
Se poi quello che cercate è una decorazione da parete, allora potete trasformare questi gomitoli in una colorata ghirlanda.


Insomma, con una sola idea potrete realizzare tantissimi progetti, facili e divertenti.
Spero tanto che i miei gomitoli di carta e filo vi piacciano e che servano a ravvivare le vostre case e a donarvi un po' di primavera (visto che non è ancora arrivata ovunque).
Che ve ne pare?
A presto,
Fusilla Creativa

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails